Arriva il bollino “Italia” sui programmi tv: “Bisogna indicare la provenienza”

ROMA – Il marchio “made in Italy” – oltre che per l’olio d’oliva o il vino – adesso arriva anche per i programmi televisivi, a partire dai film e dalle fiction, dalle serie tv e dai documentari. Il Garante per le Comunicazioni (l’AgCom) chiede che l’indicazione di provenienza sia presente intanto nei cataloghi delle emittenti che operano in streaming.

Questi cataloghi – come noi tutti constatiamo ogni giorno –  sono sul web e ci mostrano in successione decine di copertine di film, fiction, documentari. Noi poi clicchiamo su una specifica copertina, per guardare il prodotto tv che ci interessa.
 
E proprio la copertina avrà un bollino con la scritta “made  in Italy”, o più semplicemente “Italia” o – ancora – “Ita”. L’emittente in streaming potrà anche segnalare i programmi francesi, tedeschi, olandesi, danesi.

L’importante è che almeno il 30 per cento delle…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer