Finanza

Hilti: netta diminuizione degli utili, pesa forte incremento costi fornitura

VADUZ (FL) (awp/ats) – Incremento dei introiti ma forte calo dell’utile per Hilti: la importante azienda con sede nel Liechtenstein che produce attrezzi e componenti per l’edilizia, in modo particolare nel campo della demolizione e dell’ancoraggio, ha visto nei primi 8 mesi il fatturato salire a 4,1 miliardi di franchi (+6% su base annua, +9% in valute locali), mentre il risultato operativo e sceso a 392 milioni (-36%) e l’utile netto a 286 milioni (-39%).

In una nota odierno la società di Schaan (FL) spiega la diminuizione della redditività con l'”enorme incremento” degli oneri delle catene di approvvigionamento, con le conseguenze della guerra in Ukraine, con gli effetti valutari negativi e con gli investimenti nel campo del software.

“Il 2022 si sta rivelando un anno eccezionalmente impegnativo per Hilti”, conferma il Ceo Christoph Loos, citato nel comunicato. A segueto della persistente inflazione, delle crescenti incertezze nell’approvvigionamento energetico, delle tensioni politiche e dell’incremento dei tassi di interesse, il gruppo prevede in futuro un rallentamento dello slancio di crescita del comparto mondiale della costruzione.

Ben conosciuto anche dal grande pubblico per i suoi famosi trapani dalla custodia rossa, il gruppo Hilti e un’entità oggi presente in oltre 120 paesi che ha avuto origine nel 1941 in un’autorimessa di Schaan su spinta di 2 fratelli, Martin e Eugen Hilti. La società appartiene a un trust dei familiari Hilti; fra il 1986 e il 2003 e stata anche quotata in borsa, ma…

Hilti: netta diminuizione degli utili, pesa forte incremento costi fornitura

Hilti netto degli


FIMA2917# 2022-09-23T15:40:01+02:00

Show More