Notizie dei mercati

L’incremento dei rendimenti obbligazionari dell’Italia metterà alla prova una BCE pronta a premere nuovamente il grilletto del rialzo dei tassi

This content has been archived. It may no longer be relevant

L’incremento degli oneri di prestito nell’Italia altamente indebitata sta mettendo nuovamente alla prova la determinazione della BCE a contenere le tensioni sul mercato obbligazionario.

A pochi giorni dall’annuncio di un secondo grande rialzo dei tassi di interesse da parte della BCE per frenare l’inflazione da record, le preoccupazioni per una mossa più aggressiva hanno innervosito gli investitori.

Il rendimento delle obbligazioni italiane a dieci anni giovedì ha passato il 4% per la 1ª volta da metà giugno, quando un brusco movimento al di sopra di questo livello ha spinto l’attentissimo spread con il debito tedesco a circa 250 punti base e ha spinto la BCE a tenere una assemblea di emergenza per discutere come contenere lo stress obbligazionario mentre ritira gli stimoli.

Questo livello e generalmente considerato come un punto dove si manifesta la preoccupazione per la capacità dell’Italia di servire il suo debito. Con circa il 150% del prodotto interno lordo (PIL), l’Italia ha il secondo rapporto debito/PIL più alto dell’area euro.

Societe Generale ritiene che i rendimenti italiani stiano entrando in una “zona di pericolo”, con i costi di prestito a dieci anni ora al di sopra della sua stima del livello dove il rapporto debito/PIL rimarrebbe stabile.

Allertata dai pericoli di un inasprimento della politica in un contesto di forti aumenti degli oneri di prestito, la BCE ha comunicato a luglio il suo Strumento di Protezione della Trasmissione (TPI). Sono un nuovo programma di acquisto di obbligazioni per aiutare gli Stati dell’Eurozona più indebitati e prevenire una divergenza degli oneri di prestito rispetto all’emittente principale Germania, che la BCE…

L’incremento dei rendimenti obbligazionari dell’Italia metterà alla prova una BCE pronta a premere nuovamente il grilletto del rialzo dei tassi

incremento rendimenti obbligazionari


FIMA2854# 2022-09-02T14:57:29+02:00

Show More