Auto: così cambia l’acquisto con il bonus-ecotassa dal 1° marzo

Con il 1° marzo scattano le nuove disposizioni (anche fiscali) sulle auto, l’ecobonus e l’ecotassa, introdotte dalla Legge di bilancio 2019. Chi si accinge all’acquisto di un’autovettura deve ora valutare una serie di informazioni nuove e di opzioni inedite. Deve avere, innanzitutto, un quadro dei modelli e dei tipi di alimentazione più avvantaggiati o penalizzati a seconda delle soglie di emissione di CO2.

Non solo, ma deve anche adottare una sua personale strategia di acquisto, tenendo conto, tra l’altro, che i Comuni con i blocchi del traffico colpiscono proprio i modelli diesel, favoriti invece ai fini dell’ecotassa. E nella strategia si può anche decidere di puntare sul gioco di anticipo in queste due settimane che precedono l’entrata in vigore per “aggirare” – in modo lecito, purché si seguano alcuni caveat – l’ecotassa che penalizzerà una serie di autoveicoli. All’opposto, invece, può scommettere sul futuro, attendendo che le case automobilistiche escano allo scoperto potenziando il bonus su elettriche e plug-in con l’aggiunta di uno sconto sul prezzo di listino. Ci sono poi altri dettagli importanti da considerare, come la rilevanza degli accessori, le norme per le auto con targhe estere o le agevolazioni per le moto elettriche.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer