B.Ifis: utile netto 2019 a 123,1 mln euro


Grafico Azioni Banca Ifis (BIT:IF)
Intraday

Oggi : Martedì 11 Febbraio 2020

Clicca qui per i Grafici di Banca Ifis

B.Ifis ha realizzato nel 2019 un utile netto consolidato pari a 123,1 milioni di euro, rispetto ai 146,8 mln euro di dicembre 2018, con un decremento del 16,1%, per effetto del contributo della componente straordinaria. L’utile per azione al 31 dicembre 2019 è pari a 2,3 euro.

In una nota si legge il dividendo unitario stimato risulta in crescita del 5% rispetto all’esercizio precedente ed è pari a 1,1 euro per azione per un dividendo complessivo di 58,8 milioni di euro e un pay-out ratio del 47,8%.

La reddittività complessiva consolidata nel 2019 si è attestata a 133,5 mln euro, sostanzialmente in linea con il dato al 31 dicembre 2018, il Margine di intermediazione a 558,3 mln euro (-3,2% a/a), la raccolta diretta a 4,8 miliardi di euro (+8,3% a/a) e i costi operativi a 294,9 mln euro (+7,9% a/a).

Il Cet1 ratio (senza il consolidamento in La Scogliera) è stato pari al 14,28% (13,74% al 31 dicembre 2018), il Tier1 ratio al 14,28% (13,74% al 31 dicembre 2018) e il Tcr al 18,64% (18,20% al 31 dicembre 2018). Con il consolidamento in La Scogliera il Cet1 ratio è pari al 10,96% (10,30% al 31 dicembre 2018) e si conferma al di sopra del requisito Srep pari all’8,12%, il Tier1 ratio all’11,56% (10,92% al 31 dicembre 2018) al di sopra del requisito Srep pari a 10,0% e il Tcr al 14,58% (14,01% al 31 dicembre 2018) verso un requisito Srep pari al 12,5%.

“Banca Ifis è una banca profittevole e ben capitalizzata, con un patrimonio netto di 1,5 miliardi di euro; vantiamo un buon posizionamento di mercato con un importante vantaggio competitivo e un business model diversificato in due divisioni ‘core’: il segmento Commercial e Corporate Banking focalizzato sulle Pmi e quello dei crediti deteriorati (Npl)”, dichiara Luciano Colombini, a.d. di B.Ifis, aggiungendo che “anche quest’anno proponiamo ai nostri azionisti un dividendo in crescita a conferma della solidità della Banca che consente, ancora una volta, di soddisfare chi ha deciso di investire in Banca Ifis. A ulteriore dimostrazione del fatto che la Banca è pienamente in grado di autofinanziare la sua crescita, abbiamo il Cet1 che nei 12 mesi è aumentato dello 0,66% raggiungendo quota 10,96%”.

com/sda

susanna.scotto@mfdowjones.it

Lascia un commento