B. Mps: Widiba in 2019 fa un utile di 1,9 mln, raccolta a 8,2 mld


Grafico Azioni Total (EU:FP)
Intraday

Oggi : Mercoledì 26 Febbraio 2020

Clicca qui per i Grafici di Total

Widiba, banca online del gruppo Mps, ha realizzato nel 2019 un utile netto dopo componenti non ricorrenti e imposte positivo e pari a 1,9 milioni di euro. Gli indicatori di Cet 1 e Total Capital Ratio

sono pari al 20,19%.

Lo stock di raccolta – spiega una nota – ammonta a 8,2 miliardi, in crescita di +600 milioni di euro rispetto al 2018 e di +1,6 miliardi nel triennio. I volumi di credito, a tre anni dal lancio dell’offerta, raggiungono 650 milioni di euro con 220 milioni di nuove erogazioni nell’anno. I ricavi lordi raggiungono quota 128 milioni di euro in crescita del 6% rispetto al 2018 e del 33% nel triennio. Il reddito operativo netto chiude a +8,1 milioni con una crescita del 46% rispetto al 2018 ed un recupero triennale di 26,7 milioni rispetto al risultato negativo di -18,6 milioni d’inizio piano nel 2017.

I clienti sono pari a 328 mila, raddoppiati nel triennio con un tasso di soddisfazione che consolida i massimi al 97% (4,85 su 5 con oltre 800 mila rating) ed una fidelizzazione che si traduce in un utilizzo quotidiano e sempre più frequente della banca con 18 milioni di accessi nell’anno (+33% rispetto all’anno precedente e per il 63% da smartphone), e 27 milioni di transazioni interamente digitali (+39% rispetto al 2018). Grazie all’efficienza della macchina gestionale, i costi operativi, pari a 50 milioni, rimangono stabili (-1%) rispetto al 2018 e risultano in contrazione del -8% nei tre anni.

I progetti legati alla consulenza finanziaria ed il modello di banca costruito sulla figura del Consulente hanno consentito a Widiba di essere tra le top 3 banche in Italia per soddisfazione dei propri consulenti (Fonte Finer, ricerca annuale di settore) e di raggiungere la quota dell’82% delle masse in gestione dei Consulenti finanziari, di cui il 45% in consulenza evoluta. Tutto ciò anche grazie alla piattaforma certificata Wise e alla completa digitalizzazione dei processi per la produttività del consulente e l’interazione sempre più efficace con il cliente. Il portafoglio medio dei 536 consulenti raggiunge 12,7 milioni, in crescita del 15% nell’anno e del 33% nel triennio.

Sul fronte commerciale il 2019 è stato caratterizzato dall’ulteriore ampliamento dell’offerta con nuovi prodotti e servizi in tutti i comparti. Gli investimenti in Ricerca e Sviluppo per l’innovazione e per la crescita digitale costituiscono il 20% del margine di intermediazione.

com/cce