Banca del Giappone taglia stima inflazione, conferma stimolo tra rischi crescenti

Banca del Giappone ha tagliato le stime d’inflazione, segnalando la presenza di crescenti rischi dell’economia, legati all’indebolimento della domanda globale, che stanno ulteriormente ostacolando i tentativi dell’istituto di assicurare una crescita durativa.

Come ampiamente atteso, al termine della riunione di politica monetaria, la banca centrale nipponica ha confermato l’orientamento ultra-accomodante, mantenendo il programma di stimolo avviato nel 2013.

L’istituto ha mantenuto il target per i tassi a breve termine a -0,1% e l’impegno a guidare il rendimento dei titoli di Stato a dieci anni a zero.

Secondo la banca centrale, l’economia giapponese continuerà ad espandersi ad un ritmo moderato e sarà esposta a rischi provenienti da diversi fronti, tra cui la guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina, i due principali partner commerciali di Tokyo, e la Brexit.

La stima d’inflazione…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer