Banca Ifis, nel primo semestre utile di 37 milioni euro


Banca Ifis, nel primo semestre utile di 37 milioni euro 

Banca Ifis chiude il primo semestre dell’anno con un utile netto di 37 milioni di euro, al netto di rettifiche e svalutazioni per 36 milioni di euro (pre tasse) per l’effetto del Covid-19. Migliora la posizione patrimoniale, con incremento del CET1 all’11,58%, in rialzo di 62 punti base rispetto al 31 dicembre 2019.

Margine di intermediazione pari a 213 milioni di euro, in diminuzione del 23,8% rispetto ai 279,2 milioni di euro dell’omologo periodo del 2019, a causa del rallentamento dell’attività produttiva che ha impattato tutte le business unit del Gruppo, e costi operativi a 155,5 milioni di euro, che includono 7 milioni di euro di accantonamenti al fondo di solidarietà e 6 milioni di euro di accantonamenti a fronte di una garanzia su una posizione creditizia ex Interbanca. Le rettifiche di valore nette per rischio di credito, al 30 giugno 2020, ammontano a 33,3 milioni di euro, -4,9% rispetto ai 35,0 milioni di euro al 30 giugno 2019.

“Il primo semestre ha confermato la validità` della strategia e la solidità` finanziaria di Banca Ifis, in un contesto macroeconomico che non ha precedenti”, ha affermato l’Ad Luciano Colombini, ricordando che questo è stato uno dei peggiori esercizi degli ultimi decenni. A dispetto di ciò – sottolinea – la banca chiude il primo semestre in utile, rafforzando il proprio patrimonio e accelerando negli investimenti.

“Banca Ifis – sottolinea – ha comprovato una notevole capacità di resilienza…

seguici...sullo stesso argomento