Banche: Abi, +1,5% a/a prestiti imprese e famiglie a maggio


A maggio, i prestiti a famiglie e società non finanziarie

ammontano a 1.286 miliardi di euro, segnando un incremento tendenziale dell’1,5% che si confronta con +1,4% di aprile, +1,6% a marzo e +0,5% di febbraio, prima dello scoppio della pandemia. E’ quanto si legge nel rapporto mensile dell’Abi.

L’incremento dei prestiti negli ultimi tre mesi, ha spiegato il vice d.g. dell’Abi, Gianfranco Torriero, è riconducibile alle misure messe in campo dal governo a sostegno della liquidità delle imprese e delle famiglie. Il trend in crescita dei finanziamenti, ha continuato, dovrebbe continuare nei prossimi mesi.

Sulla crescita dei finanziamenti influisce soprattutto l’incremento di quelli alle imprese, mentre dallo scoppio della pandemia c’è stata una frenata dei mutui per l’acquisto di abitazioni. Ad aprile è stata del +1,7% la variazione annua dei finanziamenti alle imprese, mentre si è fermata a +1,1% la dinamica dei prestiti alle famiglie.

A maggio, i prestiti a residenti in Italia al settore privato risultano, ad aprile 2020, pari a 1.425 miliardi di euro in aumento dell’1,4% rispetto ad un anno prima. Il totale prestiti a residenti in Italia si colloca a 1.691 miliardi di euro, segnando una variazione annua pari a +1,2% (+1,2% anche il mese precedente).

vs