Banche, Abi: a dicembre 2018 sofferenze nette a minimi da maggio 2010

ROMA (Reuters) – Le sofferenze bancarie, al netto delle rettifiche, sono calate a dicembre 2018 al livello di maggio del 2010, secondo i dati del rapporto Abi.

Lo stock a fine dello scorso anno, depurato di svalutazioni e accantonamenti già effettuati, pari a 29,5 miliardi di euro, rappresenta un valore delle sofferenze nette in forte calo rispetto ai 38,3 miliardi del mese precedente ed è spiegabile con una serie di operazioni di cessione e cartolarizzazione, ha detto Abi.

Il rapporto tra le sofferenze nette e gli impieghi totali è pure sceso a valori minimi, luglio 2010, attestandosi a dicembre all’1,72%, segnala l’associazione bancaria.

In due anni le sofferenze nette si sono ridotte di circa due terzi e dal livello massimo del novembre 2015 (88,8 miliardi) sono calate di oltre 59 miliardi.

Il tasso di crescita degli impieghi a famiglie…
Leggi anche altri post markets o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer