Banche, Conte: vigili e pronti a intervenire per il rafforzamento delle Popolari

Per le «banche popolari il governo resta vigile e pronto a fare il necessario per un loro rafforzamento nell’ambito delle regole e del rispetto del mercato». Dice così il premier Giuseppe Conte in un passaggio del suo intervento alla cerimonia per il premio in memoria di Donato Menichella.

La recente sentenza Tercas presso la Corte europea «riapre la strada per l’uso di uno strumento nazionale nella gestione delle crisi di banche di minori dimensioni». e l’Italia si sta «battendo in sede europea per affrontare le crisi bancarie evitando una liquidazione atomistica». Quanto alle norme sui rimborsi ai risparmiatori da inserire nel decreto crescita, qui «abbiamo introdotto una soluzione anche innovativa, che però resta molto solida e che è resistente al vaglio e ai vincoli Ue», aggiunge il presidente del Consiglio. I costi anche sociali delle difficoltà bancarie sono stati trasversali alle tipologie di banche e sono presenti a tutti, secondo Conte. «Il mio governo, per ristabilire giustizia, è intervenuto a tutelare dei risparmiatori e provveduto a stanziare 1,5 miliardi di euro nel prossimo triennio. E voglio rassicurare tutti che le norme che abbiamo predisposto consentiranno la liquidazione degli indennizzi diretta o comunque rapida a tutti i risparmiatori. Queste norme saranno inserite nel dl crescita».

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer