Finanza

Banche: Dbrs, conti buoni e costi sotto controllo in 1* sem

This content has been archived. It may no longer be relevant

MILANO (MF-DJ)–Nel 2º trimestre di quest’anno le banche italiane hanno registrato un guadagno netto aggregato di 4,8 miliardi di euro, in aumento del 62% a/a, o del 20% escludendo l’impatto di Russia e Ukraine e il badwill derivante dall’acquisizione di Banca Carige da parte di Bper. Per il semestre 2022, l’utile netto aggregato e aumentato del 7% a/a, o del 13% escludendo Russia-Ukraine e il badwill.

Lo mettono in rilievo gli analisti di Dbrs in un report sulle 5 banche principali del Paese: Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banco Bpm, Bper e B.Mps.

I guadagni del semestre, continuano i professionisti, hanno beneficiato della crescita dei introiti core e delle operazioni di trading, sostenuti da maggiori flussi di business e da tassi di interesse più elevati. La sensibilità agli ulteriori rialzi dei tassi previsti in futuro e significativa, poiché le passività tendono a riprezzarsi più lentamente delle attività, e in modo più significativo dopo che i tassi raggiungono determinate soglie.

Gli accantonamenti per perdite su crediti sono cresciuti rispetto all’anno precedente nel 1º semestre di quest’anno, ma sono diminuiti notevolmente se si escludono Russia e Ukraine, riflettendo il miglioramento generale dei profili di rischio degli istituti bancari. Il costo medio annualizzato del rischio nel 1º semestre 2022 e rimasto al di sotto del livello registrato nel periodo 2019-2021. Il de-risking e proseguito nel 2º trimestre 2022, comprese le esposizioni verso Russia e Ukraine.

Le banche italiane sono poi riuscite a mantenere adeguate riserve di capitale nell’attuale difficile…

Banche: Dbrs, conti buoni e costi sotto controllo in 1* sem

Banche conti buoni


FIMA2681# 2022-08-10T12:27:01+02:00

Show More