Bei, record di finanziamenti all’Italia. Padoan: “Investimenti pubblici leva per la crescita”

MILANO – L’Italia è il bersaglio privilegiato dei finanziamenti da parte della Banca europea per gli investimenti (Bei e Fei): gli oltre 12 miliardi del 2017 rappresentano un record di finanziamenti in Italia del gruppo Banca europea degli investimenti (Bei e Fei) che in 10 anni, dal 2008 allo scorso anno hanno iniettato nuova finanza per 100 miliardi che hanno sostenuto investimenti del valore di oltre 270 miliardi. E’ uno dei dati diffusi da Bei e ministero dell’Economia in una conferenza stampa con il ministro Pier Carlo Padoan e il vicepresidente Bei e presidente del Fondo europeo per gli investimenti Dario Scannapieco.
L’Italia si è attestata al “primo posto” in Europa tra i paesi beneficiari, ha sottolineato Scannapieco. Il sostegno della Bei ha interessato 119 operazioni in Italia per un totale di 12,3 miliardi di nuova finanza (+10% rispetto al 2016) pari allo 0,7% del reddito nazionale. Nel dettaglio si tratta di 10,8 miliardi di prestiti Bei e 1,5 miliardi di garanzie ed equity Fei.
Padoan ha sottolineato durante la presentazione che “gli investimenti pubblici sono una potentissima leva a disposizione del Paese” per “sostenere imprese e occupazione”. “E’ necessario migliorare l’implementazione – ha aggiunto Padoan- qualcosa si sta facendo ma di può fare molto di più”. Secondo il ministro, “se la leva degli investimenti pubblici a disposizione del Paese fosse pienamente utilizzata, la nostra crescita potenziale sarebbe più elevata”. “Non mi stanco di ripetere che dobbiamo dedicare le nostre energie all’aumento degli investimenti per sostenere imprese e occupazione. I risultati della Bei in Italia ci incoraggiano a insistere”, ha aggiunto il ministro dal suo profilo social.