Boeing, il ceo Muilenburg se ne va con 62 milioni di indennità

L’amministratore delegato spodestato della Boeing Co, Dennis Muilenburg, sta lasciando l’azienda con 62 milioni di dollari di indennità e benefici pensionistici. Muilenburg è stato licenziato a dicembre perché la Boeing non è riuscita a contenere le conseguenze di un paio di incidenti mortali che hanno bloccato la produzione del bestseller della compagnia 737 Max e ne hanno macchiato la reputazione presso le compagnie aeree e le autorità di regolamentazione.

Le cifre dei risarcimenti sono state rivelate dopo che sono venuti alla luce centinaia di messaggi interni che contenevano commenti duramente critici sullo sviluppo del 737 Max, tra cui uno che diceva che l’aereo era «progettato da pagliacci che a loro volta sono supervisionati da scimmie».

Il 737 Max è rimasto a terra da marzo dopo il secondo dei due incidenti che hanno portato alla morte di 346 persone nell’arco di cinque mesi.

«Sono morte 346 persone. Eppure, Dennis Muilenburg ha fatto pressione sulle autorità di regolamentazione e ha messo i profitti al di sopra della sicurezza dei passeggeri, dei piloti e degli assistenti di volo. Se ne andrà con altri 62,2 milioni di dollari. Questa è corruzione, chiaro e semplice», ha detto la senatrice statunitense Elizabeth Warren su Twitter.

Il rappresentante degli Stati Uniti Peter DeFazio, che presiede il Comitato dei Trasporti della Camera, ha detto che i verbali di una riunione del giugno 2013 hanno mostrato che la Boeing ha cercato di evitare costosi requisiti di addestramento e simulatori, ingannando i regolatori su un sistema anti-stallo chiamato MCAS che è stato poi legato ai due incidenti che hanno ucciso 346 persone.

Il 737 Max è stato messo a terra dopo il secondo incidente di marzo.

L’indiscrezione che Muilenburg sarebbe stato licenziato era circolata nel settore per mesi, intensificandosi in ottobre quando il consiglio di amministrazione gli ha tolto il titolo di presidente, anche se aveva anche ottenuto due volte le espressioni di fiducia da parte di Calhoun, presidente del consiglio di amministrazione di Boeing.