Boom dell’agroalimentare di qualità nel Mezzogiorno: più 12% nel 2016

ROMA – L’Italia mantiene il primato sui 28 Paesi dell’Unione Europea e aumentano anche prodotti e produttori certificati nell’agroalimentare di qualità: lo attesta l’Istat, nel report annuale su Dop, Igp e Stg. I produttori crescono del 4,4%, mentre i prodotti certificati passano a 291, 13 in più rispetto al 2015. L’aumento degli imprenditori specializzati si registra soprattutto nel Mezzogiorno, con una crescita del 12%; nel Centro c’è un più 2,5% mentre al Nord si registra una lieve diminuzione dello 0,3%. Al Sud c’è anche il maggiore aumento degli allevamenti e della superficie utilizzata.
I prodotti maggiormente presenti sono i formaggi (oltre 26.000 produttori), gli ortofrutticoli e i cereali e gli oli extravergini di oliva. L’aumento dei prodotti certificati è stato costante e ha portato nell’arco di dieci anni a un quasi raddoppio di Dop, Igp e Stg, passati dai 156 a 291 (279 quelli attivi). Ancora più significativo è stata la crescita dei produttori: il settore mostra in generale una grande vivacità, gli operatori nuovi entrati nel 2016 sono 12.513, molti di più degli 8.828 che hanno dismesso l’attività.
Soprattutto negli ultimi anni c’è stato un ribaltamento rispetto alla tendenza iniziale, che privilegiava le Regioni del Nord Italia, dove…