BORSA: azionario in rialzo in avvio di seduta


Partenza in deciso progresso per le principali piazze europee, in rimbalzo dopo la debolezza della vigilia: Milano +1,32%, Francoforte +1,46%, Parigi +1,17%, Londra +0,76%.

Gli investitori si concentrano sui segnali di una nascente ripresa economica, in attesa degli indici Pmi preliminari di giugno nell’Eurozona e negli Stati Uniti.

A piazza Affari, in luce Atlantia (+4,41%). Ieri, il Cda di Autostrade per l’Italia, ha deliberato di comunicare al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la volontá della societá di proseguire – anche successivamente al 30 giugno – le interlocuzioni per la definizione concordata della procedura di contestazione avviata dal Concedente il 16 agosto 2018, “fermi comunque i propri diritti maturati e maturandi, anche ai sensi dell’art. 9 bis della Convenzione Unica in relazione ai mutamenti sostanziali del quadro legislativo e regolatorio introdotti dal DL Milleproroghe emanato in data 30 dicembre 2019”.

In rialzo gli industriali. In particolare B.Unicem (+3,84%), Cnh I. (+2,26%), Fca (+2,29%), Stm (+2,03%), Leonardo Spa (+1,76%), Pirelli (+1,54%) e Ferrari (+0,76%).

In progresso anche il settore bancario, con lo spread Btp/Bund che apre in lieve contrazione a 171 punti base: Ubi B. +2,15%, Unicredit +1,84%, Intesa Sanpaolo +1,45%, Mediobanca +1,35%, Banco Bpm +1,19%, Bper +0,88%.

Tra le mid cap, bene De’Longhi (+2,59%), Interpump (+2,23%) e Reply (+2,08%). Focus su Autogrill (+1,48%), che ha raggiunto una serie di accordi con le banche finanziatrici per la temporanea sospensione della verifica dei parametri finanziari.

Sull’Aim, denaro su Prismi (+3,28%), Esautomotion (+2,56%), Sciuker F. (+2,22%) e Siti-B&T (+2,13%).

cm