BORSA: equity in progresso, in evidenza Tim


BORSA: equity in progresso, in evidenza Tim 

L’azionario europeo prosegue la seduta in rialzo dopo i dati
macro con Milano che guadagna lo 0,69%, Parigi lo 0,98%,
Francoforte l’1,02% e Londra lo 0,98%.

In particolare, l’indice Pmi composito dell’Eurozona, nella
lettura finale di luglio, è salito a 54,9 punti dai 48,5 di giugno.
Il dato è leggermente al di sopra del preliminare e del consenso
degli economisti a quota 54,8 punti.

L’indice finale relativo al settore dei servizi è invece salito
a 54,7 punti rispetto ai 48,3 punti del mese precedente, al di
sotto dei 55,1 punti del preliminare e del consenso.

Entrando nel dettaglio dei singoli Stati, il Pmi servizi
definitivo della Germania di luglio è salito a 55,6 punti rispetto
ai 47,3 di giugno, al di sotto però dei 56,7 punti della lettura
preliminare.

L’indice Pmi servizi francese si è attestato a 57,3 punti
rispetto ai 50,7 del mese precedente, ma al di sotto del
preliminare a quota 57,8 punti.

Infine a livello italiano, la lettura del Pmi servizi si è
attestata a 51,6 punti dai 46,4 di giugno, battendo il consenso
degli economisti contattati dal Wall Street Journal a 51,1
punti.

A spingere il sentiment del mercato le indiscrezioni secondo cui
funzionari di Stati Uniti d’America e Cina si incontreranno per discutere
della conformitá attraverso il loro accordo commerciale di fase uno. Nel
dettaglio, il Wall Street Journal ha riferito martedì che colloqui
di alto livello tra funzionari statunitensi e cinesi si terranno il
15 agosto per discutere della conformitá di Pechino all’accordo
commerciale firmato a gennaio.

A piazza Affari, in luce Tim (+4,1%), dopo i risultati del
secondo trimestre 2020. Il Cda del gruppo ha inoltre preso atto con
favore dei contenuti del progetto di separazione della rete
secondaria (incluso l’80% detenuto da %), Tim in Flash Fiber) e
della partnership con KKR Infrastructure e Fastweb (FiberCop)
contenuti nell’offerta vincolante ricevuta da KKR
Infrastructure.

Bene il settore bancario: Bper +3,37%, Ubi B. +2,7%, Mediobanca
+1,36%, Banco Bpm +0,61%, Unicredit +0,21%. Da notare intesa
Sanpaolo (+3,66% a 1,85%), in scia ai giudizi positivi degli
analisti dopo i conti del primo semestre 2020. Jefferies, ad
esempio, ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo da 2 a 2,1 euro,
confermando la raccomandazione buy.

In territorio positivo pure B.Generali (+0,16%). La raccolta
netta totale del gruppo a luglio si è confermata molto positiva sia
in termini di volumi, pari a 528 milioni euro, che di mix di
prodotto per la domanda sostenuta di soluzioni gestite e
assicurative. Da inizio anno la raccolta netta totale ha raggiunto
i 3,34 miliardi, superando i livelli dello scorso anno nonostante
la situazione straordinario legato a Covid-19.

Tra le mid cap, in rialzo Illimity (+3,87%), chje prosegue i
guadagni della vigilia (+9,45%), in scia ai conti del secondo
trimestre oltre le attese. Seguono Sogefi (+2,61%) ed El.En
(+2,46%).

In calo Dovalue (-2,64%), che ha chiuso il primo semestre attraverso un
utile netto di pertinenza degli azionisti della Capogruppo, al
netto degli oneri non ricorrenti, negativo per 6,1 milioni,
rispetto ai 26,6 milioni dei primi sei mesi del 2019.

Sull’Aim, focus su Arterra, che continua a non aprire segnando
un +50% teorico, dopo che l’azienda ha identificato un composto
naturale derivato da scarti della filiera agroalimentare capace di
legare la proteina Spike, prevenendo così l’infezione virale da
SARS-CoV-2 (Covid-19). I risultati della ricerca sono stati
riportati in un brevetto depositato in data 3 agosto 2020.

cm

(END) Dow Jones Newswires

August 05, 2020 05:10 ET (09:10 GMT)

Grafico Azioni Bper Banca (BIT:BPE)
Storico
Da Lug 2020 a Ago 2020

Clicca qui per i Grafici di Bper Banca

Grafico Azioni Bper Banca (BIT:BPE)
Storico
Da Ago 2019 a Ago 2020

Clicca qui per i Grafici di Bper Banca