Borsa Milano chiude piatta, giù Tim

Piazza Affari ha chiuso sulla parità (-0,03%) una giornata condizionata dall’attesa del voto del parlamento inglese sulla Brexit.

La Borsa di Londra ha comunque fatto meglio degli altri listini (+0,29%), tutti piatti tranne Francoforte (-0,17%), mentre la sterlina, in rosso su tutte le altre valute, viene scambiata a 1,3 sul dollaro e a 1,158 sull’euro.

Lo spread ha chiuso a 248 punti, in lieve rialzo rispetto all’apertura (246).

Ad appesantire la Borsa di Milano è stata sopratutto Tim (-5,93%), che ha pagato la guerra tra soci in vista dell’assemblea.

Male la Juventus (-2,7%), per il rischio di un’uscita dalla Champions, e Ferragamo (-2%), che ha diffuso i conti.

Fuori dal listino principale, sotto pressione Tod’s (-3,2%), per il non brillante bilancio 2018, e Mps (-2,77%).

Male il comparto banche (-0,39%), con Banco Bpm che ha perso l’1,95% e Bper lo 0,6%.

Sono cresciuti invece Buzzi (+1,7%), Recordati (+1,9%), Campari (+1,8%) e Tenaris (+1,4%)

Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer