Borsa Milano prosegue in rialzo con WS, bene lusso, banche, Atlantia, giù Diasorin


Mercato azionario

MILANO (Reuters) –

MILANO, 17 aprile – Piazza Affari prosegue sostenuta corroborata anche dall’avvio forte degli indici Usa sulle attese di una graduale ripresa dell’economia Usa e sulle speranze di progressi nella ricerca di un farmaco per il trattamento del Covid-19.

“I Paesi stanno andando verso una ripresa delle attività produttive, quindi la Fase 2 post lockdown. Adesso bisogna vedere se poi la ripresa sarà concreta o meno”, osserva un trader.

Gli acquisti si riversano un po’ su tutti i settori, premiando quelli scesi maggiormente di recente a causa della crisi innescata alla pandemia.

Anche l’Italia, giunta a quasi 170.000 casi di infezione e oltre 22.000 decessi, si prepara a un’uscita parziale dalla fase più rigida del ‘lockdown’, che potrebbe iniziare in alcuni casi anche prima del 4 maggio, secondo indiscrezioni stampa.

Lo spread del rendimento fra i titoli decennali italiani e tedeschi si muove oggi intorno ai 228 punti base.

Strappa Atlantia (MI:ATL) con un balzo che sfiora l’8% nel giorno del Cda. Secondo indiscrezioni di stampa, la controllata Aspi è pronta ad attivare 1,65 miliardi di euro di progetti nel 2020 se ci sarà un accordo col governo sul tema della revoca della conncessione. Secondo il broker Equita, “la trattativa col governo è importante per Atlantia per superare le incertezze introdotte dal Milleproroghe sulla concessione di Aspi”.

Salgono i titoli del lusso e dell’auto, che potrebbero essere i primi a ripartire con la produzione e che molto hanno patito per effetto delle misure di contenimento dell’epidemia. Ferragamo (MI:SFER) segna un rialzo del 2,1%, Moncler (MI:MONC) balza del 5,6%. Bene anche Tod’s (MI:TOD) (+1,9%) e Cucinelli (MI:BCU) (+3,3%). I titoli sono sostenuti anche dal tono positivo dell’intero settore europeo e in particolare del gigante francese Lvmh, che ieri ha pubblicato la trimestrale a mercati chiusi da cui è emerso un calo delle vendite inferiore alle attese.

Bene nell’automotive Brembo (MI:BRBI) (+5,2%), Cnh (MI:CNHI) (+4,5%), Fiat Chrysler (MI:FCHA) (+3%) nonostante i drammatici dati sulle vendite di nuove auto in Europa a marzo.

Buon recupero anche per le banche, nonostante l’allargamento dello spread guidate da Uicredit (+3,5%) e Mediobanca (MI:MDBI) (+2,2%).

Ritraccia, invece, Diasorin (MI:DIAS), in calo del 5% circa, vittima di fisiologici realizzi dopo diverse sedute al galoppo sulle attese che possa essere scelta per i test sierologici su scala nazionale nella ricerca di anticorpi IgG del virus Sars Cov-2 e, quindi, nell’identificazione di coloro che hanno sviluppato una risposta immunitaria al virus in quanto già infettati. La società sarebbe stata inoltre scelta dalla Regione Lombardia per sperimentare i test sul territorio regionale. Sulle quotazioni pesa anche l’annuncio odierno da parte di Roche che produrrà i test sugli anticorpi entro maggio.