Borsa:Pil e Fca affossano Milano(-2,59%)

Il taglio delle previsioni per la crescita italiana da parte della Commissione Europea e la delusione per le stime sul 2019 di Fca trascinano in ribasso la Borsa Italiana, con il Ftse Mib che chiude in calo del 2,59%

Piazza Affari è tra le peggiori assieme a Francoforte (-2,67%) in un’Europa tutta pesante.

Lo spread tra Btp e Bund arriva ai massimi da due mesi e tocca i 285 punti base (chiudendo a 283) col rendimento del decennale italiano che sfiora il 3%.

Il crollo di Fca (-12,21%) fa male a tutta la galassia del Lingotto: Exor (-4,73%), Ferrari (-2,55%) e Juventus (-2,18%)

Va bene invece Cnh dopo i conti (+1,21%).

In netto terreno negativo Saipem (-6,09%) e Prysmian (-5,78%).

Deboli le banche: Intesa (-2,75%); giù Mps (-1,45%) e Mediobanca (-0,34%) dopo l’annuncio dei rispettivi risultati annuali e semestrali.

Anche Unicredit partita con sprint dopo con i buoni conti, chiude in calo (-1,92%).

In positivo solo Banco Bpm (+0,84%) e Diasorin (+1,37%)

Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer