Calcio: oggi assemblea Lega A, focus su partite in chiaro


E’ convocata per oggi alle 10h00 in videoconferenza una nuova assemblea della Lega Serie A.

Sul tavolo il protocollo di intesa della Figc sull’estensione dei tesseramenti oltre il 30 giugno e le “ipotetiche” modifiche ai contratti di licenza dei diritti audiovisivi 2018/2021.

In particolare su quest’ultimo punto i presidenti del massimo campionato di calcio italiano ratificheranno l’accordo raggiunto con il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, per la trasmissione in chiaro di alcune partite che riprenderanno domenica. Secondo l’intesa verra’ trasmessa su Tv8 (il canale in chiaro di Sky) Atalanta-Sassuolo, mentre Verona-Cagliari sul canale Youtube di Dazn.

Inoltre, nell’ottica di una riduzione degli embarghi per trasmettere gli highlight, per tutte le giornate del campionato ci sara’ una finestra della durata di 20 minuti su Raidue. L’idea e’ che i tifosi, non potendo andare allo stadio, avranno la possibilita’ di vedere alle 21h30 i gol delle partite disputate alle 19h30. Sui canali Mediaset invece saranno in onda alle 23h45 su Italia1.

A pochi giorni dal secondo fischio di inizio della stagione, resta ancora da sciogliere la questione della quarantena in caso ci fosse un nuovo giocatore positivo al Covid19. La settimana scorsa il Cts ha accolto la richiesta della Figc e della Lega di porre in isolamento solo il nuovo giocatore positivo e non tutta la squadra come inizialmente inserito nel protocollo sanitario per la ripartenza. Il Comitato Scientifico ha però precisato che se questa modifica è compatibile con la situazione epidemiologica attuale (ci sono cioè rischi meno elevati), dall’altro è incompatibile con il decreto varato dal presidente del Consiglio il 16 maggio che è attualmente in vigore. In buona sostanza perchè la direttiva del Cts possa essere applicata serve un intervento normativo.

Il tempo stringe visto che sabato riparte la serie B e il match tra Venezia e Pordenone sembra essere a rischio dopo che tra i veneti un giocatore e’ risultato positivo. Proprio per questo ieri la Figc ha scritto al governo per avere una risposta definitiva entro domani. Dal canto suo il ministro Spadafora spera di risolvere la questione entro oggi con un atto amministrativo, cioe’ una circolare o una ordinanza firmata da lui stesso e dal ministro della Salute, Roberto Speranza.

Sullo sfondo resta il mancato pagamento dell’ultima tranche dei diritti della stagione in corso da parte di Sky. In attesa del pronunciamento del Tribunale dove e’ stata depositata una ingiunzione di pagamento, via Rosellini continua ad essere intenzionata a staccare il segnale qualora il bonifico continuasse a non essere fatto. Non e’ escluso che nella riunione di oggi si inizi a discutere della proposta di Cvc che ha messo 2,2 mld euro sul piatto per realizzare una NewCo con Via Rosellini (di cui il fondo deterrebbe fino al 20%) in cui far confluire i diritti televisivi del massimo campionato dei prossimi anni. Solo dopo aver vagliato il progetto di Cvc, la Lega passerá ad analizzare l’altra proposta avanzata da Bain Capital che ha messo sul piatto 3 mld euro per il 25% della media company da realizzare sempre con Via Rosellini.

lab