Calcio: Unc, ottima notizia istruttoria Antitrust


Grafico Azioni Juventus Fc (BIT:JUVE)
Intraday

Lunedì 20 Luglio 2020

“Ottima notizia. Una vittoria per i consumatori ed una conferma della bontà delle nostre tesi. Per questo, abbiamo provveduto a ripresentare un esposto contro la Juventus, nonostante fosse già in corso un procedimento dell’Antitrust contro il club bianconero”.

Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando la decisione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di avviare due nuovi procedimenti istruttori in materia di clausole vessatorie nei confronti delle società di calcio di serie A, Brescia e Lecce. “La Juventus, infatti, la settimana scorsa ha comunicato ai suoi abbonati che, per le partite non fruite, saranno rimborsati con l’emissione di un voucher e non con la restituzione della quota parte dell’abbonamento non fruito. Una tesi che, come conferma oggi l’Antitrust, contrasta con il diritto del consumatore ad ottenere il rimborso di quota parte dell’abbonamento sia per fatti imputabili alla società che di impossibilità sopravvenuta della prestazione, che comportino la chiusura totale o parziale dello stadio, impossibilità come la chiusura degli stadi dovuta all’emergenza Covid” prosegue Dona.

“Insomma, mentre per i concerti gli organizzatori sfruttavano l’art. 88 del Cura Italia, per quanto l’articolo sia già stato ritenuto illegittimo sia dalla Commissione Ue che dall’Antitrust, nel caso del calcio non c’è nemmeno un appiglio legale a supporto. Nulla giustifica che ai tifosi non siano restituiti i soldi, senza se e senza ma”, conclude Dona.

liv

Calcio: Unc, ottima notizia istruttoria Antitrust 

Grafico Azioni Juventus Fc (BIT:JUVE)
Intraday

Lunedì 20 Luglio 2020

“Ottima notizia. Una vittoria per i consumatori ed una conferma della bontà delle nostre tesi. Per questo, abbiamo provveduto a ripresentare un esposto contro la Juventus, nonostante fosse già in corso un procedimento dell’Antitrust contro il club bianconero”.

Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando la decisione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di avviare due nuovi procedimenti istruttori in materia di clausole vessatorie nei confronti delle società di calcio di serie A, Brescia e Lecce. “La Juventus, infatti, la settimana scorsa ha comunicato ai suoi abbonati che, per le partite non fruite, saranno rimborsati con l’emissione di un voucher e non con la restituzione della quota parte dell’abbonamento non fruito. Una tesi che, come conferma oggi l’Antitrust, contrasta con il diritto del consumatore ad ottenere il rimborso di quota parte dell’abbonamento sia per fatti imputabili alla società che di impossibilità sopravvenuta della prestazione, che comportino la chiusura totale o parziale dello stadio, impossibilità come la chiusura degli stadi dovuta all’emergenza Covid” prosegue Dona.

“Insomma, mentre per i concerti gli organizzatori sfruttavano l’art. 88 del Cura Italia, per quanto l’articolo sia già stato ritenuto illegittimo sia dalla Commissione Ue che dall’Antitrust, nel caso del calcio non c’è nemmeno un appiglio legale a supporto. Nulla giustifica che ai tifosi non siano restituiti i soldi, senza se e senza ma”, conclude Dona.

liv