Campione, Montecarlo d’Italia Nel piano fintech e immobiliare

Diventare la Montecarlo d’Italia. Ecco cosa sogna la piccola Campione d’Italia. Dopo il baratro che ha ingoiato la città a luglio, quando è stato dichiarato fallito il Casinò che fatturava 90 milioni di euro e dava da mangiare a tutta la città, ora i suoi abitanti accarezzano la rinascita come centro nevralgico del fintech.

Una manciata di chilometri, in linea d’aria, separano Campione d’Italia da Lugano, sull’altra sponda del lago. Di qua l’enclave italiana nel cuore del Canton Ticino, di là una delle piazze finanziarie più importanti di tutta la Svizzera. Ma Lugano è in crisi, chi per anni l’ha prediletta come quartier generale e rifugio oggi vuole di più. Vuole i vantaggi di Lugano, però nello spazio economico dell’Unione europea. Ed è proprio qui, che entra in gioco Campione d’Italia.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer