Caso Jabil, Catalfo: «Licenziamenti nulli». L’azienda: andiamo avanti


Caso Jabil, Catalfo: «Licenziamenti nulli». L’azienda: andiamo avanti

Centonovanta licenziamenti. A partire dal prossimo lunedì. E questo nonostante il divieto – stabilito da due decreti – di licenziare durante l’emergenza Covid-19. Ma alla Jabil di Marcianise (Caserta) da lunedì 25 maggio partirà la maggior parte delle lettere per 190 lavoratori. Alcune sono già arrivate proprio durante il primo incontro tra azienda e sindacati voluto dalla ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, in cui la multinazionale statunitense ha ribadito la propria volontà di andare avanti. E questo nonostante la ministra abbia definito «nulli i licenziamenti» chiedendo la «revoca con effetto immediato in quanto l’azienda può utilizzare un ulteriore periodo di cassa integrazione con causale Covid-19 interamente finanziato dallo Stato».

L’azienda: decisione già presa

Parlando con il country manager Italia di Jabil Clemente Cillo, la ministra Catalfo ha definito la scelta di licenziare «assolutamente ingiustificata, sia dal punto di vista sociale sia …

 

Caso Jabil, Catalfo: «Licenziamenti nulli». L’azienda: andiamo avanti

visita la pagina 

Lascia un commento