Centinaio: «Fuori dalla Bolkestein, ma al 99% saremo in infrazione Ue»

Era una delle sue priorità prima di entrare al ministero delle Politiche agricole e del turismo (che ha fortemente voluto insieme in un solo dicastero). E ora che Gian Marco Centinaio è al Governo tira dritto e conferma che presto l’Italia «uscirà dalla Bolkestein» non rispettando la direttiva europea che obbliga i Paesi a mettere a gara le concessioni demaniali, a partire da quelle balneari che sono un nervo scoperto in Italia: «Il mio obiettivo è arrivare alla soluzione il più velocemente possibile. Parlo di 2018 o al massimo gennaio 2019». Una decisione che però ha un prezzo, ammette Centinaio: «Andremo al 99,9% in infrazione»

«La strada è stretta, è come camminare su un filo di seta, al 99,9% andremo in infrazione comunitaria», ha spiegato il ministro parlando della direttiva Bolkestein durante un incontro organizzato a Roma da Federturismo («Il turismo internazionale e le prospettive per l’Italia») che ha messo a confronto nuovi e vecchi competitor dell’Italia (come Slovenia, Austria o Portogallo che hanno messo il turismo al centro delle loro strategie con ottime performance).

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer