Notizie

Certificazione green per il relitto diventato barca da regata

Un progetto di economia circolare che ha permesso di trasformare un relitto in un’imbarcazione da regata tra le più performanti al mondo. I protagonisti di questo “miracolo” made in Italy sono Arca Fondi sgr e Fast & Furio sailing team, squadra professionale di velisti affermati capitanta dallo skipper di fama internazionale Furio Benussi.

La progettazione ha ora consentito alla barca rimessa a nuovo, e battezzata Maxi-yacht 100 Arca sgr, di conseguire, grazie al supporto tecnico offerto da Mapping lca, la 1ª certificazione Epd (Dichiarazione ambientale di prodotto) del comparto navale.

Investimento da 2,5 milioni

L’operazione, spiega Benussi, «e frutto di 4 anni di lavoro, con un investimento di 2,5 milioni di euro», cui ha partecipato per una quota lo sponsor Arca Fondi, che ha messo anche a disposizione,mette in rilievo l’ad Ugo Loeser, «l’esperienza che siamo in grado di offrire nel project management».

Il Maxi-Yacht Arca 100 viene ritrovato a fine 2018 da Furio Benussi, che lo cercava da un lungo periodo, abbandonato in un piccolo cantiere sull’isola di Minorca. Nel 2019, parte la progettazione Boreas (Boat recycle in action for sailing project) che vede da subito coinvolta Arca Fondi in qualità di sponsor dell’iniziativa.

Boreas si prefigge di mettere a disposizione del Fast & Furio sailing team una barca da regata veloce e competitiva, minimizzando l’impatto ambientale (e anche quello economico), associabile alla esecuzione ex-novo di un’imbarcazione con le stesse caratteristiche tecniche e di prestazione.

GN242917

Show More