Agenzie

Cisl; primi segnali positivi, ma non basta

“Da febbraio sono quasi mezzo milione gli occupati in meno, ma in luglio, dopo quattro mesi di calo, l’occupazione torna a crescere. Prosegue in contemporanea l’incremento dei disoccupati che rispecchia il calo degli inattivi: significa quindi che le persone ricominciano a cercare lavoro. Va avanti pure il recupero delle ore lavorate pro-capite, pure a ragione della riduzione della cassa integrazione. Sono i primi segnali positivi dopo i mesi del chiusura totale, ma non dimentichiamo che a fine anno, con la fine del blocco dei licenziamenti, senza misure per la crescita, il rischio è di una nuova, forte, riduzione dell’occupazione”.

Questo il commento del Dipartimento lavoro della Cisl ai dati Istat. “In Italia i duri colpi della crisi coronavirus sul mercato del lavoro si sono venuti a sovrapporre a problemi strutturali di produttività, a riorganizzazioni industriali ancora frutto della crisi economico-finanziaria del decennio trascorso, alle transizioni digitale e green. Bisogna ripartire dalle criticità precedenti al coronavirus e contrastare tutto ciò che ha frenato e può frenare uno sviluppo equilibrato e sostenibile ed insieme affrontare le nuove criticità, dal forte calo di domanda in alcuni settori economici, ai nuovi equilibri tra settore e settore, dai bassi consumi agli investimenti in stagnazione, al fine di creare i presupposti per generare crescita, competitività, lavoro di qualità, garantendo sostenibilità sociale, pure utilizzando le ingenti risorse europee disponibili in questa fase. Su tutti questi temi serve un patto con le parti sociali affinché si possa arrivare al termine delle misure emergenziali con progetti solidi per disegnare il futuro dello sviluppo nel nostro Paese”.

liv

   

(END) Dow Jones Newswires

September 01, 2020 12:09 ET (16:09 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones Novità Srl.

Show More

Articoli simili

Back to top button