Confermati gli arresti domiciliari per i genitori di Renzi

Il gip di Firenze Angela Santechi ha confermato gli arresti domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, accusati di bancarotta fraudolenta e false fatturazioni. È quanto si apprende al Palazzo di giustizia di Firenze dove la decisione era attesa dopo l’interrogatorio di garanzia. «Sono stati depositati degli atti di indagine compiuti prima dell’interrogatorio e sui quali non ci siamo potuti difendere» è stato il primo commento dell’avvocato Federico Bagattini, difensore dei due, appreso il rigetto dell’istanza di revoca degli arresti domiciliari.

Secondo Bagattini la Procura ha allegato al parere contrario all’istanza di revoca dei domiciliari «una serie di atti di indagine compiuti pochi giorni prima dell’esecuzione della misura». Atti per il difensore «dei quali la difesa non aveva alcuna conoscenza e i cui esiti non ci sono stati contestati nell’interrogatorio, durante il quale peraltro il pm non ha fatto alcuna domanda in merito». In questo modo – siamo stati privati della possibilità di difenderci anche su questi nuovi elementi, sulla base dei quali peraltro il gip nella decisione odierna ha ritenuto sussistenti profili di attualità rispetto alle esigenze cautelari».

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer