Consob, i dossier caldi sul tavolo di Savona da Tim alle banche

L’arrivo del nuovo presidente Paolo Savona alla presidenza di Consob coincide con il surriscaldarsi della contesa per la governance di Tim. La procedura per la ratifica della nomina, decisa dal Consiglio dei ministri in queste ore, da parte del Quirinale richiederà alcuni giorni. Ma al suo debutto il neopresidente probabilmente troverà tra i dossier caldi proprio la guerra a suon di segnalazioni ed esposti già partita tra i due azionisti di maggiore peso, Vivendi e Elliot.

La contesa per il controllo di Tim
Come anticipato da IlSole24Ore, la commissione ha già fissato per il prossimo 19 febbraio gli incontri – richiesti dalle parti – con i vertici di Tim, gli esponenti di Vivendi e l’ex ad di Tim, Amos Genish, dopo le varie segnalazioni relative alle modalità di revoca delle deleghe del manager, la comunicazione di un profit warning sul budget 2019 deciso dal nuovo board guidato da Luigi Gubitosi (secondo Genish per gettare ombra sul suo operato) e le modalità con le quali Elliott sta operando sui titoli Tim al fine di arrotondare la propria quota azionaria. La vicenda della contesa sul controllo di Tim, che si intreccia con la partita per arrivare a una rete unica della fibra ottica con Open Fiber, probabilmente è solo agli inizi ed è destinata a protrarsi a lungo.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer