Consob, l’Anac dà il via libera alla nomina di Savona

Via libera dell’Autorità nazionale anticorruzione alla nomina di Paolo Savona alla presidenza della Commissione nazionale per la società e la Borsa. L’Anac, sollecitata da una segnalazione, ha verificato infatti che non esiste incompatibilità tra la guida della Consob e il fatto che Savona abbia ricoperto in passato l’incarico di amministratore del Fondo di diritto britannico Euklid e dei fondi lussemburghesi Euklid Master ed Euklid Feeder. Una startup con sede a Londra attiva nel fintech che in base alle informazioni fornite dalla stessa Consob non ha mai svolto attività di investimento in Italia e quindi non è soggetta alla sua vigilanza. Nel caso in cui il fondo, del quale l’ex ministro agli Affari europei del Governo Conte detiene ancora alcune azioni, investa in Italia il conflitto «è sterilizzabile» con l’astensione di Savona.

Sulla base delle informazioni ricevute – si legge nella delibera pubblicata sul sito Anac – si può ritenere «che l’attività dei fondi di investimento del risparmio nell’ambito dei quali il Prof. Savona ha ricoperto gli incarichi di amministratore non sia stata oggetto del potere di regolazione e vigilanza da parte di Consob, con ciò escludendo la sussistenza del requisito in provenienza come sopra identificato». In pratica non c’è incompatibilità per aver ricoperto le cariche.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer