Conte a Piazza Affari. «Semplificazione madre di tutte le riforme»

«Non possiamo che augurarci di avere sempre una forte capacità di attrarre nuovi capitali. Borsa testimonia la capacità di attrarre le aziende e di gestire in modo legale e trasparente» i processi. Così il premier Giuseppe Conte, a Palazzo Mezzanotte, dopo aver aperto Piazza Affari suonando la campanella che tradizionalmente indica l’inizio delle contrattazioni. Tale capacità di attrazione «non è assicurata da altri canali», quindi «benvenute le attività svolte in Borsa e benvenuti anche i controlli anche se a volte percepiti come severi», spiega il presidente del Consiglio per il quale si deve fare in modo «che non ci sia una sovraregolazione».

Il governo è molto impegnato sul fronte della semplificazione, sottolinea Conte, in particolare «nell’ambiente legale che sia più aperto e più facile per la business community». Chi fa impresa infatti «ha bisogno di tempi e procedure certi, di poter svolgere le attività in tempi brevi, altrimenti qualsiasi piano di investimenti non può raggiungere gli obiettivi». Il messaggio è ribadito a più riprese nel suo intervento. «Sentite parlare di Dl semplificazione che contiene alcune norme. Non siate delusi, c’è una legge delega approvata a dicembre sulla semplificazione a cui seguirà decreto legislativo, che sarà la madre di tutte riforme».

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer