Finanza

L’Inghilterra continua a portare avanti il programma per gli immigrati del Ruanda, mentre le piccole imbarcazioni continuano ad arrivare

This content has been archived. It may no longer be relevant

Ospitato in un centro di possesso nel sud dell’Inghilterra, Aladeen dice di aver rischiato la vita per viaggiare per migliaia di Km dalla sua patria, la Siria, per scappare all’obbligo di combattere nell’esercito del Presidente Bashar al-Assad.

Ora il 21enne sta lottando per rimanere in Gran Bretagna ed evitare di essere mandato nuovamente dall’altra parte mondiale, questa volta in Ruanda, dove il governo britannico vuole mandare gli immigrati in arrivo illegalmente sulle sue coste.

“E la fine mondiale per me, non riesco a immaginarlo”, afferma a Reuters per telefono attraverso un interprete, rifiutando di fornire il suo nome completo mentre viene esaminata la sua richiesta di asilo.

Aladeen, uno dei circa 130 migranti a cui all’inizio era stato dato un biglietto per il Ruanda e che ora si trova in un limbo legale, e coinvolto nella lotta del governo britannico per controllare i suoi confini e gestire le richieste migratorie degli elettori dopo la Brexit.

E tra gli oltre 20.000 migranti che quest’anno hanno compiuto il precario viaggio di 20 miglia dalla Francia alla Gran Bretagna su piccole imbarcazioni attraverso la Manica, attraversando una delle rotte di navigazione più trafficate al mondo.

Lo stato di extracomunitari come Aladeen sarà oggetto di una sfida legale presso l’Alta Corte di Londra inizialmente di settembre, quando una coalizione di gruppi per i diritti umani e un sindacato sosterranno che la politica del Ruanda e impraticabile e non etica.

I governi di tutto il pianeta stanno lottando su come gestire l’afflusso di rifugiati che fuggono da Paesi devastati dalla guerra o dalla persecuzione nei loro Paesi d’origine. La Gran Bretagna e l’ultimo Paese a tentare di esternalizzare l’insediamento dei richiedenti asilo.

L’Inghilterra continua a portare avanti il programma per gli immigrati del Ruanda, mentre le piccole imbarcazioni continuano ad arrivare

Regno Unito continua


FIMA2681# 2022-08-15T09:13:45+02:00

Show More