Coronavirus, uno studio: «Le macchie sulla pelle? Una spia dell’infezione prima che si manifesti»


Coronavirus, uno studio: «Le macchie sulla pelle? Una spia dell’infezione prima che si manifesti»

Lo studio di un gruppo di ricercatori della Clinica dermatologica dell’Università degli Studi di Milano, appena pubblicato su Acta dermatologica, American Journal Dermatopathology e Journal of Dermatological Science ha analizzato i tessuti cutanei durante le varie fasi della malattia da Covid 19. «La cute può essere una “spia” dell’ infezione in atto che non si è ancora manifestata — spiega il professor Raffaele Gianotti, dermatopatologo,uno degli autori della ricerca insieme agli immunopatologi del Policlinico Cà Granda — ma può comparire anche durante lo stadio conclamato della malattia. Nella maggioranza degli adulti le macchie sulla pelle scompaiono in poco tempo insieme al virus mentre le lesioni cutanee piu pericolose si manifestano in pazienti ricoverati in terapia intensiva con gravi danni a polmoni e reni. I bambini, invece, possono presentare lesioni rosso vivo alle dita dei piedi senza mostrare i minimi segni sistemici dell’infezione».

Come avete scoperto i sintomi cutanei …

 

Coronavirus, uno studio: «Le macchie sulla pelle? Una spia dell’infezione prima che si manifesti»

visita la pagina 

Lascia un commento