Coronavirus: verso 100.000 morti in Usa, 5,3 mln casi nel mondo


I morti per coronavirus negli Stati Uniti si stanno avvicinando a quota 100.000. Secondo i dati di Johns Hopkins University i decessi negli Usa sono 97.599 e i casi confermati oltre 1,6 milioni, su un totale di 5,3 milioni a livello mondiale.

Durante il fine settimana festivo appena trascorso, in occasione del Memorial Day, molti eventi pubblici sono stati annullati per evitare assembramenti. I governatori di Stati come la California, il New Jersey e la Louisiana hanno esortato i residenti a rispettare il distanziamento sociale nel weekend, che viene spesso considerato come l’inizio dell’estate negli Usa.

Il governatore del New Jersey, Phil Murphy, ha dichiarato alla Cnn ieri mattina che “era troppo presto per dire” se i residenti stessero seguendo le linee guida dopo che le spiagge sono state riaperte, sebbene con restrizioni. “Per la maggior parte la gente è stata straordinaria facendo la cosa giusta per due mesi e mezzo”, ha dichiarato Murphy, il cui Stato ha il secondo numero più alto di casi di Covid-19 negli Stati Uniti, dopo New York. “Mi aspetto pienamente che continuerà a comportarsi bene anche sulle spiagge, anche quando Madre Natura inizierà a collaborare con il bel tempo”, ha aggiunto.

Il presidente Usa, Donald Trump, nel frattempo, si è recato in un campo da golf in Virginia per il secondo giorno consecutivo ieri, mentre continua a incoraggiare gli Stati a riaprire dopo il blocco provocato dalla pandemia.

La dottoressa Deborah Birx, coordinatrice della risposta al coronavirus della Casa Bianca, ha dichiarato durante una conferenza stampa venerdì che si può giocare a golf in sicurezza, aggiungendo a Fox News Sunday di essere preoccupata dopo aver visto le foto e i video di persone che si radunate per il weekend del Memorial Day, anche sulle spiagge, senza rispettare le distanze sociali o indossare mascherine.

Tutti e 50 gli Stati degli Stati Uniti hanno preso provvedimenti per riaprire, anche se le loro strategie variano per portata, velocità e approccio. La maggior parte sta riaprendo prima di aver raggiunto le soglie stabilite dall’amministrazione Trump, che includono un calo per due settimane del numero di nuovi casi o della percentuale di test per il Covid-19 risultati positivi. In tutto il Paese le tensioni si stanno intensificando tra coloro che festeggiano per la fine dei lockdown e altri che temono il riemergere del virus.

I costi dei blocchi prolungati hanno costretto i Governi di tutto il mondo a valutare le riaperture delle economie calcolando i rischi per la salute pubblica.

Almeno 107 persone a Francoforte, in Germania, sono risultate positive al coronavirus dopo che alcune di loro avevano partecipato alle funzioni domenicali in una chiesa due settimane fa, secondo i funzionari tedeschi. I residenti nella città tedesca e nelle comunità circostanti sono stati infettati durante una messa della Congregazione evangelica cristiana battista il 10 maggio.

La notizia dalla Germania arriva dopo che il presidente Usa, Donald Trump venerdì ha invitato i governatori a riaprire i luoghi di culto della Nazione definendoli servizi essenziali e dichiarando che avrebbe “scavalcato” tutti i capi degli Stato che non accetteranno di farlo.

In Italia, che ha imposto alcune delle restrizioni nazionali più severe al mondo all’inizio di marzo, le persone hanno riempito bar, ristoranti e spiagge, mettendo in allarme le autorità. I decessi quotidiani sono scesi da un picco di quasi 1.000 decessi a fine marzo a meno di 150 negli ultimi giorni.

In Francia e Belgio – Paesi duramente colpiti che all’inizio di questo mese hanno iniziato ad allentare le regole di lockdown – il numero di pazienti affetti da coronavirus e di decessi continua a diminuire.

L’Egitto ha riportato il più alto numero di morti in un giorno sabato, con 28 nuovi decessi, portando il totale a 735. Il Paese sta registrando un aumento delle infezioni dopo che le autorità hanno allentato le restrizioni durante il mese di Ramadan.

L’India ha riferito il più grande aumento giornaliero del numero di casi di coronavirus ieri: sono stati 6.767, portando il bilancio complessivo a 131.868, inclusi 3.867 decessi, secondo i dati del ministero della Salute e del Benessere della Famiglia.

cos

Lascia un commento