Corte dei Conti: “In Italia infrastrutture inadeguate, pesano sulla vita dei cittadini”

MILANO –  “Il nostro Paese non dispone di un patrimonio infrastrutturale adeguato al suo sistema economico e produttivo”. È quanto ha messo in evidenza procuratore generale della Corte dei Conti Alberto Avoli spiegando che questa inadeguatezza si riflette anche sulla qualità di vita dei cittadini in termini di trasporti, viabilità, rifiuti e manutenzione del territorio. Inoltre, ha rilevato Avoli, “la mancanza di congrui investimenti rischia di accrescere ulteriormente il gap” tra Italia e altri Paesi con un peggioramento non solo in termini di competitività ma anche di condizioni sociali della comunità.

Il procuratore ha messo anche in guardia sulla fase delicata per le finanze pubbliche che sta per aprirsi. “Il 2019 e gli anni successivi si presentano non facili per il governo dei conti pubblici”, ha detto spiegando che il “ripiegamento” dell’economia internazionale rende “più stringenti i margini delle azioni di riequilibrio del…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer