Da Bologna alla Silicon Valley d’Asia, una startup italiana è diventata leader nel mondo

Nel ‘Saigon Hi Tech Park’ di Ho Chi Minh City, capitale del Vietnam del Sud, ha festeggiato ai primi di gennaio i dieci anni del sito produttivo più grande di tutto il gruppo Datalogic, di cui è amministratrice delegata dal 2017. Gli inquilini della porta accanto, nella Silicon Valley asiatica, sono colossi dell’informatica come Intel e Samsung. Nomi di calibro di fronte ai quali non teme di sfigurare.

Valentina Volta, 40 anni, bolognese, in attesa del primo figlio che arriverà in aprile, ha respirato aria di tecnologia e innovazione fin da piccola. Il padre Romano, ingegnere, ha fondato nel 1972 l’azienda di famiglia inventando il lettore per il codice a barre che era stato messo a punto da due professori universitari americani nel 1948 per l’identificazione dei prodotti. L’ha sperimentato due anni dopo negli Usa, in un supermercato di Troy, nell’Ohio, che…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer