Dal cyberbullismo alle spiagge pulite, settecento dipendenti Enel diventano volontari

Settecento dipendenti che per un giorno non penseranno ai progetti sulle loro scrivanie da portare avanti o al telefono che squilla. La loro giornata di lvoro andrà infatti deddicata a quattro Ong italiane, con progetti che vanno dall’ambiente al cyberbullismo.

E’ il senso del nuovo programma di volontariato Enel che nel 2019 vedrà la collaborazione con Legambiente, Marevivo, Moige, Quartieri Tranquilli ed è stato illustrato in settimana da Carlo Tamburi, direttore Enel Italia. Il progetto si aprirà, spiega una nota, nella prima metà di aprire con la campagna di Legambiente “Puliamo il Mondo”, che prevede la pulizia e la riqualificazione di 10 aree urbane in 9 città italiane (Roma, Torino, Bologna, Venezia, Cagliari, Firenze, Palermo, Napoli, Milano) e la partecipazione di 50 dipendenti per ogni tappa. A Roma, saranno cento i lavoratori Enel a dedicarsi a Villa Borghese.
 
Sempre il mese prossimo partirà il…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer