Dalla musica al calcio in streaming, così Veronica Diquattro ha raccolto la sfida Dazn

Le conseguenze dello streaming. Dal liceo classico Galvani, quello di Jack Frusciante, al mondo di Dazn, la piattaforma live tutta dedicata allo sport, un canale a pagamento che trasmette in diretta o on demand online attraverso il collegamento Internet. Veronica Diquattro, 36 anni, bolognese, la poltrona di vice presidente per l’Italia del gruppo britannico Perform l’ha conquistata da cinque mesi. In prima linea in questa rivoluzione che tocca un settore ancora molto legato a dinamiche tradizionali, per portare innovazione con una visione di lungo periodo. E non si può dire che all’inizio non l’abbiano guardata con sospetto. Come un’intrusa.

“Dazn è una realtà internazionale giovane, io sono più giovane rispetto ai signori del mondo del calcio, per esempio. È un player diverso, come diverso è il nostro modo di fare business con lo sport in streaming. Per fare innovazione ci vuole coraggio e, uso…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer