Def: Confindustria; bene stop aumenti Iva, rinviare sugar tax


Nello scenario programmatico, tra le nuove misure che il Governo intende adottare c’è da evidenziare l’annullamento dei corposi aumenti dell’Iva e delle accise sui carburanti previsti a partire dal 1* gennaio 2021. Si tratta di un intervento necessario che evita una ulteriore contrazione del Pil l’anno prossimo che il Governo stima pari a 0,4 punti percentuali.

Lo ha detto Stefano Manzocchi, direttore del Centro Studi di

Confindustria, durante l’audizione sul Documento economico e finanziario

alla Camera, spiegando che “l’eliminazione della clausola di salvaguardia è anche importante perché fa chiarezza sull’effettiva dinamica dei saldi di bilancio e restituisce credibilità agli obiettivi di bilancio programmati. Dal punto di vista delle imprese, soprattutto in questa fase, sarebbe auspicabile anche un rinvio dell’entrata in vigore della plastic e della sugar tax”, ha concluso.