Di Maio negli Usa per togliere a Salvini la «special relationship» con Trump

Luigi Di Maio vola negli Usa con l’obiettivo, anche, di illustrare agli americani le motivazioni che sono state alla base della scelta di far aderire l’Italia, prima tra i paesi del G7, al progetto infrastrutturale promosso da Xi Jinping delle Nuove vie della Seta. Una scelta, quella fortemente voluta dalla componente pentastellata dell’esecutivo Conte (meno, molto meno da quella leghista), che ha messo in allarme l’amministrazione Trump.

Nell’iniziativa gli Usa, tradizionali alleati dell’Italia a patire dalla comune appartenenza all’Alleanza Atlantica, leggono il tentativo di estendere l’influenza cinese in Europa. Allo stesso tempo Washington teme il coinvolgimento di giganti delle tlc Huawei e Zte nella partita della nuova tecnologia del 5G in Italia. Il rischio, dal punto di vista dell’intelligence Usa, è che Pechino possa accedere a informazioni riservate.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer