Dl liquidità: Patuelli, 8 richieste su 10 accolte (Stampa)


“Con il presidente Conte non faccio polemiche e non raccolgo polemiche: siamo di fronte ad un incendio ed io, come un cireneo, continuo a portare secchi d’acqua per spegnerlo”.

Lo ha detto alla Stampa il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli in merito alla nuova sollecitazione del premier alle banche a fare di più per erogare prestiti.

Ad oggi, ha spiegato Patuelli, il Fondo di garanzia ha autorizzato 303.714 prestiti per un ammontare complessivo di 13,84 miliardi, compresi 271.314 prestiti fino a 25mila euro garantiti al 100% per un totale di 5,67 miliardi. E l’80% delle richieste pervenute alle banche è stato accolto.

“Ritardi nell’erogazione dei prestiti? Per noi parlano i fatti. L’Abi è stata ed è velocissima nel fare tutto quanto le spetta, nella maniera più precisa e tempestiva. Noi -ha proseguito- siamo una associazione di categoria e non abbiamo nessuna possibilità di conoscere le notizie che sono in possesso della Vigilanza, che ha sede centrale a Francoforte”.

Sul fronte del governo “molto autorevolmente, il ministro Gualtieri

nei giorni scorsi -ha affermato- ha ringraziato le banche e i loro

lavoratori per il lavoro che stanno facendo. E credo che il ministro

dell’Economia e delle Finanze abbia a disposizione un flusso di

informazioni superiore a chiunque altro nel governo, anche perché

continua ad essere anche il presidente del Comitato interministeriale

credito e risparmio”.

vs

Lascia un commento