Dopo il Country report della Ue, tutte le prossime scadenze tra conti e giudizio Ue

Il country report sull’Italia diffuso oggi, 27 febbraio, dalla Commissione Ue è solo una prima tappa di una lunga serie di appuntamenti che arriverà fino a giugno: prima dell’estate Bruxelles pubblicherà le raccomandazioni paese. Sarà questa probabilmente l’occasione in cui l’esecutivo comunitario potrebbe chiedere a Roma una manovra correttiva. Nel mezzo ci sarà però un fitto calendario di appuntamenti, tra Ecofin, Eurogruppo, Consiglio europeo. Nonché la pubblicazione delle previsioni economiche di primavera, dove Bruxelles aggiornerà i dati su Pil, deficit-Pil e debito-Pil dell’Italia.

11-12 marzo: Eurogruppo-Ecofin
Il prossimo appuntamento europeo sarà l’11-12 marzo a Bruxelles con il doppio meeting di Eurogruppo (i ministri delle Finanze dell’area euro) ed Ecofin (i ministri delle Finanze della Ue). Incontri che avverranno dopo il 1° marzo, quando l’Istat avrà pubblicherà i dati sul deficit-Pil del 2018. Il 5 marzo sarà invece la volta dei dati Istat con la stima definitiva del Pil nel quarto trimestre del 2018: bisogna vedere se verrà confermato il -0,2% diffuso lo scorso 31 gennaio. Se il dato verrà rivisto al ribasso, si allontanerà ancora di più il target dell’1% nel 2019 indicato dal governo e non è da escludere che i conti italiani finiscano sotto la lente dell’Eurogruppo-Ecofin.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer