Criptovalute

DossierCriptosanatoria in manovra, bitcoin tassati e gia sanati. Ecco come funziona la tassa

#criptovalute

Nel momento più difficile per il mondo delle criptovalute, con il default dell’exchanger Ftx che ha fatto perdere miliardi a risparmiatori e investitori, il governo italiano non perde tempo e si muove verso una prima, vera, tassazione mondiale delle criptovalute. C’e la necessità di fornire una regolamentazione del fenomeno più chiara, ma anche fare gettito in arrivo di un anno, il 2023, che si preannuncia ancora più complicato di quello appena finito guardandolo dalla prospettiva dei conti pubblici. Ed ecco che le criptovalute, bitcoin in primis, inizieranno, a far entrare denaro nelle casse del Fisco a partire dall’anno prossimo: le plusvalenze vengono tassate – sebbene in questa fase di bear market in pochi sono in grado di ricavarne di effettive – e viene introdotta per la 1ª volta anche un’imposta di bollo. Sebbene sui capitali ‘tradizionali’ all’estero il Mef abbia fatto marcia indietro, lo stesso non ha fatto con i ‘criptocapitali’: scatta quindi la disclosure, molto conveniente, sui capitali derivanti da criptoattività. “Alla fine un buon punto di partenza per poter alla fine dare una luce a un mondo ancora eccessivamente contaminato da incertezze” spiega a caldo il fiscalista Carlo Alberto Micheli. Ma le imprese del comparto non la prendono benissimo: “La tassazione e un clamoroso autogol, rischia di distruggere l’industria nazionale” e la versione di Christian Miccoli, cofondatore di Conio, tra i pionieri…


FIGN2931 => 2022-11-24 18:26:00
criptovalute

Show More