Ecco gli indirizzi universitari e scolastici più richiesti dalle imprese

Per l’Università l’indirizzo economico e ingegneria. Per la scuola secondaria amministrazione-finanza e meccanica-meccatronica. Per il diploma o la qualifica professionale gli indirizzi ristorazione e meccanico. Le maggiori opportunità occupazionali si concentrano qui, tra le oltre 380 mila assunzioni previste a marzo, il 27% sono giovani secondo l’ultima indagine Excelsior di Unioncamere e Anpal. Entro maggio le imprese sono orientate ad effettuare oltre 1,2 milioni di assunzioni, ma in media nel 28% dei casi risulta difficile reperire le figure professionali richieste.

Dietro il gap la mancanza di esperienza
Le ragioni di queste difficoltà?Le imprese lamentano in molti casi una preparazione inadeguata da parte dei candidati, o la mancanza di esperienza lavorativa pregressa, ma anche l’assenza di candidature (non vengono però indicati le tipologie contrattuali o i livelli retributivi offerti). Questo gap, ancora una volta, evidenzia l’incapacità di riuscire a far incontrare la domanda e l’offerta di lavoro in un Paese come l’Italia che occupa la terzultima posizione in Europa per l’alto tasso di disoccupazione giovanile (33% a gennaio, in aumento sia rispetto a dicembre che a gennaio del 2018). Emerge anche un dialogo ancora difficile tra il mondo scolastico-universitario e quello produttivo, anche per le resistenze a far decollare la formazione on the job sempre più richiesta dalle imprese .

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer