Dow Jones

Ecobonus: presidente Fimer, ora focus su sviluppo infrastrutture ricarica



Si è concluso l’iter parlamentare della conversione in legge del “Decreto Sostegni-bis” (D.L. n. 73/2021). Ammontano a 350 milioni di euro i fondi destinati agli incentivi per l’acquisto di auto, nuove e usate, a basse emissioni di CO2. Di questi, 60 milioni di euro saranno destinati all’acquisto di auto elettriche e ibride plug-in, con emissioni fino a 60g di CO2 per chilometro.

“Ben vengano queste misure di sostegno”, commenta Filippo Carzaniga, presidente di Fimer, tra i principali player in Italia nella produzione di soluzioni per la ricarica di veicoli elettrici. “Non c’è dubbio che il futuro della mobilità si leghi sempre di più al concetto di sostenibilità e rispetto dell’ambiente, in un momento in cui tutti i trend di mercato segnano una fortissima ascesa dei veicoli a basse o zero emissioni. Basta scorrere i dati dell’Associazione Europea Costruttori di Automobili (Acea) sul secondo trimestre del 2021: +273.3% di immatricolazioni di automobili elettriche Bev in Italia rispetto all’anno precedente. E con questo ulteriore stanziamento la diffusione di veicoli a basso impatto ambientale non potrà che aumentare. Si sta procedendo insomma nella giusta direzione. Ma è altrettanto importante porre particolare attenzione nello sviluppo di una rete di infrastrutture di ricarica capillare anche nel nostro Paese che tradizionalmente sconta ritardi importanti rispetto al resto d’Europa. In altre parole, affinché questo tipo di mobilità si affermi anche in Italia, la circolazione di automobili elettriche deve necessariamente andare di pari passo con la diffusione di infrastrutture e di punti di ricarica. I clienti di auto Ev devono poter programmare i propri spostamenti senza la cosiddetta “ansia da ricarica” dovuta al fatto che, soprattutto al di fuori delle grandi città, le infrastrutture sono molto limitate. Servono dunque un cambio di passo e un approccio sistemico, coordinato ed efficiente per consentire un’espansione rapida e diffusa delle infrastrutture di ricarica. In questo senso, sono auspicabili iniziative come quella di Regione Lombardia che ha annunciato nuovi finanziamenti alle imprese a supporto dell’installazione di colonnine di ricarica fast tramite un contributo a fondo perduto fino a 95 mila euro. Ci auguriamo che simili misure vengano adottate anche a livello nazionale. Fimer è in prima linea nello sviluppo di nuove e innovative infrastrutture di ricarica ed è pronta a mettere a disposizione le proprie tecnologie e conoscenze per alimentare una discussione costruttiva su queste tematiche”.

com/cce

(END) Dow Jones Newswires

August 02, 2021 12:50 ET (16:50 GMT)

Segnali:

Auto elettrica 2022: quanti e quali sono gli incentivi?
Nella legge di Bilancio troverà posto l'aggiornamento dell'ecobonus per auto elettrica 2022: Cosa sappiamo finora? Che cosa ...
L’elettrico tiene in vita il mercato auto italiano, ma servono incentivi e punti di ricarica
C’è attesa per il rifinanziamento dell’ecobonus auto ... comunque di predisporre subito un piano di sviluppo delle infrastrutture di ricarica, capillare e omogeneo sul territorio nazionale, ...
Mobilità elettrica e reti di ricarica: accordo tra Enel X, Be Charge ed Eni
Enel X, il più grande operatore nel settore delle infrastrutture ... di ricarica entro il 2030” ha dichiarato Simone Zuccotti, Presidente di Be Charge e Responsabile Innovazione e Sviluppo ...
Efficienza energetica vale 53 miliardi, vola il superbonus
Investimenti negli ultimi 15 anni per 45 miliardi al 2020 con l’ecobonus al 65%, e più di 8 miliardi per interventi già realizzati con il superbonus al 110%. Ora, saranno decisivi ... ricerca, ...
Auto elettriche, intesa tra Enel X ed Eni sulle colonnine di ricarica: una rete unica da 20 mila punti
La partnership abilita l’interoperabilità tra le reti di ricarica ... infrastrutture per la loro gestione», spiega Simone Zuccotti, presidente di Be Charge e responsabile Innovazione e ...
Mobilita': partnership Eni, Enel X e Be Charge per ricarica dei veicoli elettrici
Economia - Enel X, Be Charge, societa' controllata da Eni gas e luce (dal 2022 Plenitude), ed Eni hanno firmato accordi che permettono a chi guida elettrico di fare ...
ElectReon porta la tecnologia di carica wireless a induzione dei veicoli elettrici in Italia, nell’“Arena del futuro”
Informazioni su ElectReon ElectReon, leader nello sviluppo della tecnologia di ricarica wireless a induzione di veicoli elettrici, offre infrastrutture e servizi completi pensati per rispondere ...
Enel X e BeCharge, accordo per l’interoperabilità
Un accordo di interoperabilità che consentirà di utilizzare un’ampia rete di ricarica per le auto elettriche su ... Presidente di Be Charge e Responsabile Innovazione e Sviluppo Business ...
Made in Italy, siglato il protocollo d'intesa tra SACE e Confprofessioni
Attività formative su export e internazionalizzazione ... nel processo di sviluppo dei mercati esteri dei liberi professionisti, sempre più attivi nella promozione del made in Italy» afferma Gaetano ...
Inverter di stringa trifase FIMER
L’indirizzo per l’esercizio dei diritti previsti dal GDPR UE 2016/679 è [email protected] Infoweb srl per essere sicura che i dati personali dei suoi utenti siano sicuri, ha istruito i propri ...
di mascherine all'aperto
E' l'ipotesi che circola in queste ore in ambienti di governo, in vista del Cdm che dovrà approvare il decreto legge per la proroga dello stato d'emergenza Covid - In Cdm anche il nodo bollette ...

Ecobonus: president of Fimer, now focus on charging infrastructure development

The parliamentary process for the conversion into law of the "Sostegni-bis Decree" (Legislative Decree no. 73/2021) was concluded. Funds allocated to incentives for the purchase of new and used cars with low CO2 emissions amount to 350 million euros. Of these, 60 million euros will be allocated to the purchase of electric and plug-in hybrid cars, with emissions of up to 60g of CO2 per kilometer.

"These support measures are welcome", comments Filippo Carzaniga, president of Fimer, one of the main players in Italy in the production of solutions for charging electric vehicles. "There is no doubt that the future of mobility is increasingly linked to the concept of sustainability and respect for the environment,