Edison accelera la “svolta green”, Ansaldo Energia ci mette la tecnologia

Tre anni di cantiere, 600 persone impiegate (più l’indotto) e un investimento di oltre 300 milioni di euro necessari per aumentare la capacità della centrale termoelettrica a ciclo combinato di Porto Marghera fino a raggiungere una potenza complessiva di 780 MW e trasformare l’impianto nel più efficiente d’Europa con un rendimento energetico pari al 63%, il più alto reso disponibile oggi dalla tecnologia. L’intervento consentirà sia di ridurre i camini della struttura da 5 a 3 con conseguente minor impatto visivo, sia di abbattere le emissioni specifiche di CO2 del 40% rispetto alla media dell’attuale parco termoelettrico italiano e di quelle di ossidi di azoto (NOx) di oltre il 70%.

L’operazione rappresenta un tassello determinante nella strategia green del gruppo di Edison che ha deciso di affrontare questa nuova sfida puntando sulla tecnologia di Ansaldo Energia, la più grande azienda…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer