Energia, la Nigeria chiede 20 miliardi di tasse alle compagnie. Anche Eni nella lista

MILANO – Conto salatissimo per le compagnie straniere che operano in Nigeria. Il governo di Lagos ha chiesto a Royal Dutch Shell, Chevron, Exxon Mobil, Total, Equinor e all’italiana Eni 20 miliardi di dollari in relazione alle loro attività sul territorio operano sul suo territorio. A ciascuna delle compagnie – spiega la Reuters –  è stato intimato di pagare una cifra compresa tra i 2,5 e i 5 miliardi di dollari.

Nella lettera inviata dalla Nigerian National Petroleum Corp (NNPC) si fa riferimento a royalties e tasse straordinarie per la produzione di petrolio e gas. Ma all’origine della richiesta ci sarebbe una disputa tra governo centrale e amministrazioni locali nigeriane sulla distribuzione degli incassi derivanti dallo sfruttamento degli idrocarburi, con queste ultime che lamentano il mancato afflusso di risorse da Abuja.

La controversia è stata chiuso lo scorso anno con l’impegno…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer