Eni: Descalzi, risultati 2019 eccellenti nonostante scenario


Grafico Azioni Eni (BIT:ENI)
Intraday

Oggi : Venerdì 28 Febbraio 2020

Clicca qui per i Grafici di Eni

“Nel 2019 abbiamo conseguito risultati eccellenti, nonostante lo scenario decisamente negativo, caratterizzato da discontinuità geopolitiche e da uno scenario prezzi certamente meno favorevole rispetto al 2018”.

Lo afferma l’a.d. di Eni, Claudio Descalzi, commentando i risultati dell’esercizio. “Questo – spiega – grazie alla strategia perseguita negli ultimi anni che ci ha consentito di crescere e di rafforzare la nostra resilienza. In particolare nel business Upstream, abbiamo raggiunto la

produzione record di 1,87 milioni di barili giorno e conseguito il rimpiazzo del 117% delle riserve prodotte”.

“Particolarmente positivi sono stati i risultati conseguiti nei business Gas & Power e Marketing oil, mentre la Raffinazione e la Chimica

hanno scontato quest’anno scenari particolarmente negativi, mitigati dalle azioni di ristrutturazione messe in atto nel recente passato”, prosegue il manager.

“Infine, durante l’anno sono proseguite le attivita di espansione del business di generazione rinnovabile, delle bio raffinerie, con

l’entrata in produzione di Gela, e di miglioramento del profilo carbonico del nostro portafoglio, in preparazione del piano di maggiore

espansione che verrà perseguito nei prossimi anni”, precisa Descalzi.

“A questi risultati si aggiunge l’opera di diversificazione attuata attraverso la crescita Upstream in Norvegia e negli Emirati Arabi Uniti

che conferisce al portafoglio ulteriore solidità. Inoltre l’acquisto del 20% della capacita di raffinazione nel sito di Ruwais negli Emirati

rende la nostra raffinazione meglio predisposta ad affrontare cicli sfavorevoli di mercato”, evidenzia il manager.

“Eni oggi è un azienda in netta crescita e molto solida dal punto di vista finanziario – conclude Descalzi -: la generazione di cassa operativa pari a 12,1 mld, in crescita a parità di scenario, è risultata superiore per 1 mld alla spesa per investimenti di 7,7 mld e alla crescente remunerazione degli azionisti, che, compreso il buy back, è stata di 3,4 mld. Sulla base di questi risultati il Consiglio di

amministrazione odierno ha approvato la proposta di distribuzione di un dividendo pari a 0,86 euro per azione di cui 0,43 già distribuiti

a settembre”.

gug