Eurozona: Pmi manifatturiero a marzo (finale) rivisto in calo a 44,5 punti, il minimo da oltre 7 anni


L’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona si è attestato a marzo, secondo la lettura finale, a 44,5 punti, in calo rispetto ai 49,2 punti di febbraio e in peggioramento rispetto ai 44,8 punti stimati nella lettura preliminare. Si tratta del più basso livello in 92 mesi. L’istituto Ihs Markit che redige l’indagine ha sottolineato che produzione, nuovi ordini e acquisti sono diminuiti bruscamente; è stato registrato un forte taglio dei livelli occupazionali e si intensificano ad un livello record le restrizioni sulla catena di distribuzione. L’ottimismo per quanto riguarda il futuro è crollato al livello minimo storico.

“La preoccupazione – ha aggiunto Chris Williamson, Chief Business Economist presso Ihs Markit – è che il peggio del declino deve ancora materializzarsi”. Secondo l’istituto, le sole eccezioni saranno per le aziende produttrici di alimenti…
Leggi anche altri post Agenzie o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer