Fca: Provenzano, condivida i suoi country by country report


Grafico Azioni Facebook (NASDAQ:FB)
Intraday

Lunedì 18 Maggio 2020

“Fca oggi non è (più) un campione industriale italiano ma una multinazionale con investimenti in tutto il mondo, sede legale a Londra e fiscale in Olanda. Nessuno, al di fuori di alcuni alti dirigenti dell’Agenzia delle Entrate e del management internazionale di Fca, conosce con esattezza come sono distribuiti i profitti delle varie filiali e come ripartisce il carico fiscale nei vari paesi in cui opera”.

Lo ha scritto su Facebook il ministro per il Sud, Peppe Provenzano, sottolineando come “in generale, come ha scritto il responsabile economico del Pd, Emanuele Felice, le istituzioni pubbliche ignorano totalmente la “responsabilità fiscale complessiva” di Fca”.

“A livello europeo è bloccata (per l’opposizione di alcuni paesi, tra cui quelli in cui Fca ha trasferito le sue sedi) ormai da qualche anno una direttiva che renderebbe obbligatoria la pubblicazione dei “country by country report”. Noi dobbiamo accelerare l’adozione della direttiva ma, intanto, non sarebbe un atto di buona volontà e senso civico, per Fca valutare spontaneamente di condividere con il governo italiano i suoi “country by country report”, anche per rendere meno discrezionale, nel caso di una grande azienda, la scelta di offrire grandi garanzie pubbliche?”, ha proseguito il ministro.

“Sappiamo tutti benissimo quali e quanti siano gli investimenti dell’azienda nel nostro paese e quanto contribuisca (pure sul fronte fiscale) al funzionamento della nostra economia. Ma dall’annuncio di “Fabbrica Italia” è mancato un dibattito su quanto sia stata attuata e quanto si dovrà attuare alla luce dei mutamenti societari e di mercato. È possibile, in un nuovo orizzonte di innovazione, riprendere il discorso interrotto su Termini Imerese? Dopotutto, si tratta di discutere strategie industriali, tutti i Governi lo fanno”, ha concluso Provenzano.

vs

Lascia un commento